L’anima gemella? È quella che odia le stesse cose che odi tu

Questo articolo è stato letto124 volte!

È l’idea di una nuova app: non è vero che l’amore cura tutto. Spesso non basta. Un buon punto d’inizio è provare lo stesso fastidio di fronte alle stesse cose. Il senso di complicità e di unità è molto più forte, e il fastidio reciproco è più ridotto

L’amore vincerà contro ogni cosa, come diceva Virgilio, ma al momento pare in vantaggio l’odio. Sono ere di rancore e di risentimento diffuso, tanto che c’è chi ha pensato di utilizzare il conflitto come criterio per unire le persone. Tutto sommato, cercare anime gemelle che hanno gli stessi interessi e le stesse passioni si è rivelato, il più delle volte, infruttuoso. Perché non cercare persone che, al contrario, condividono le stesse antipatie?

Non è male: odi Fedez? Usciamo a bere. Non sopporti le persone che camminano piano? Andiamo a ballare. Odi Trump? La Lega? La Clinton? C’è la app perfetta per questo: Hater Dater. Funziona più o meno come le ormai classiche Tinder, Happn. Solo che non si sceglie più in base a ciò che piace, ma a ciò che dispiace. La divisione unisce.

Tutto sommato l’idea non è così sbagliata. In fondo le coppie vivono male la necessità di sopportare le passioni dell’altro. Come si può stare con un partner che, tutt’a un tratto, decide di votare Salvini? O che sceglie le Hogan? O che lascia il tubetto del dentifricio aperto? O abbandona il latte appena appena vuoto? Che non sistema a modo i cuscini del divano? Ci si ama ancora, certo. Ma ci si amerebbe meglio se queste cose fastidiose non ci fossero. Cioè, se entrambi odiassero le stesse cose.

alberto

Inserito da Alberto Saso

Presidente Onorario - New Estro-Verso - KulturaWebTv

 
alberto

A proposito di alberto

Presidente Onorario - New Estro-Verso - KulturaWebTv

Lascia un commento