IL DECALOGO PER RICONOSCERE GLI UOMINI VIOLENTI

Questo articolo è stato letto21 volte!

Da http://www.adnkronos.com

“Gli uomini aggressivi presentano in genere determinate caratteristiche ben riconoscibili ed individuabili”, spiega all’AdnKronos Paola Vinciguerra, presidente Eurodap. ” Comportamenti che vengono messi in atto non solo nei confronti della loro partner, ma anche verso altre persone” Ecco quali sono i dieci campanelli d’allarme che non bisogna trascurare, le caratteristiche spesso comuni agli uomini che si rivelano capaci di compiere violenze.

– VIOLENZA VERBALE. “Di solito – spiega l’esperta – questi soggetti partono da atteggiamenti di violenza verbale e psicologica, inizialmente nei confronti di altre persone rispetto alla loro partner. L’uomo violento assume quindi comportamenti denigratori nei confronti di amici o conoscenti, con lo scopo di sminuirli agli occhi della partner in modo da farle capire che lui è decisamente migliore ed insostituibile e che lasciarlo sarebbe un grave errore”.

– GELOSIA E POSSESSIVITA’ OSSESSIVE. “Spesso questi uomini sono estremamente possessivi e controllanti. La loro gelosia, che deriva da atteggiamenti paranoici, li porta a vietare alla propria partner di uscire con gli amici o a non consentirle di vestirsi in un determinato modo o addirittura a proibirle di studiare e frequentare la scuola o il lavoro”. Fenomeni che purtroppo si riscontrano in molti tragici casi.

VIOLENZA DOMESTICA2

– IRASCIBILITA’ E AGGRESSIVITA’. “Non solo nei confronti delle persone, ma anche verso le cose. Spesso i violenti mostrano aggressività anche quando qualcosa non va come l’avevano programmata”.

-INTOLLERANZA. Un atteggiamento che è abbastanza semplice da riconoscere. “Può bastare, ad esempio, una reazione di forte intolleranza quando il soggetto si trova imbottigliato nel traffico e non è in grado di gestire la situazione con tranquillità”.

– ABUSO DI ALCOL. E’ forse il classico campanello d’allarme che fa nascere sospetti, “insieme ad altri comportamenti ossessivo-compulsivi.”

– VITTIMISMO. “L’uomo violento si sente spesso incompreso, non considerato e fa passare se stesso per la vittima agli occhi degli altri. E’ un atteggiamento che deriva da un forte senso di insicurezza, altro segnale da non sottovalutare.

– FORTE INSICUREZZA. L’insicurezza è l’atteggiamento di fondo comune a molti degli uomini che compiono violenze. Spesso la mascherano con l’aggressività, la risposta estrema alla loro fragilità”.

– PARANOIE. Questi soggetti hanno spesso vere e proprie manie di persecuzione e si sentono al centro di giganteschi complotti orditi ai loro danni.

– TENDENZA A SMINUIRE LA PROPRIA PARTNER. Dopo aver denigrato altre persone, il soggetto passa alla propria compagna. “E’ un comportamento che assume per tenerla legata a sé, facendola sentire inadeguata e spingendola così ad uniformarsi a ciò che il proprio partner le ‘ordina’”.

VIOLENZA DONNEVIOLENZA DONNE

– VIOLENZA FISICA. Il campanello d’allarme indubbiamente più grave è la violenza che da verbale diventa fisica. Spinte, schiaffi o sberle, spesso seguiti da scuse insistenti.

I segnali quindi ci sono e possono essere riconosciuti. “Il problema – spiega Paola Vinciguerra – è che spesso capita che noi donne rifiutiamo di vederli e, anzi, li giustifichiamo arrivando addirittura a colpevolizzarci perché, magari, abbiamo fatto innervosire il nostro compagno. A volte scambiamo per amore quello che invece è solo un’ ossessione malata. Quello che dovremmo fare, invece, è osservare questi comportamenti dall’esterno, al di fuori dell’illusione che ci condiziona”.

alberto

Inserito da Alberto Saso

Presidente Onorario - New Estro-Verso - KulturaWebTv

 
alberto

A proposito di alberto

Presidente Onorario - New Estro-Verso - KulturaWebTv

Lascia un commento