I consigli di Ovidio alle signore su come conquistare gli uomini 

Questo articolo è stato letto12 volte!

Azzurra Noemi Barbuto per “Libero quotidiano”

ovidioOVIDIO

«Insegnerò alle donne come farsi amare», scrive Ovidio nel proemio del terzo libro della sua celebre opera L’ arte di amare, di cui vi abbiamo parlato già la settimana scorsa, svelandovi consigli di seduzione utili agli uomini per conquistare il gentil sesso ed attuali persino oggi, a distanza di oltre 2000 anni dall’ epoca in cui visse il poeta.

Nel terzo capitolo egli, per una sorta di “par condicio”, decide di offrire la sua sapienza nelle faccende di cuore anche alle donne, in quanto «è la tecnica che fa durare negli anni un amore». Innanzitutto, Ovidio invita le giovani a vivere il sesso in modo spontaneo e libero, anche perché «quella cosa lì resiste e – niente paura – non rischia di essere danneggiata» con l’uso.

Curare il proprio aspetto è fondamentale per il poeta, tuttavia andare in giro con vestiti troppo ricchi e sfarzosi mette spesso in fuga gli uomini, che amano la semplicità. «Ciò che ci attira è vedere che una donna ha cura di sé: niente capelli ribelli. Non c’ è un solo modo per acconciarli: ogni donna scelga l’ acconciatura che più le dona e, prima di uscire, si guardi allo specchio per avere un parere», suggerisce Ovidio.

Le ragazze devono essere profumate e depilate, usare maschere all’ argilla per rendere luminosa la pelle, non trascurare la pulizia dei denti, usare il fondotinta, colorare le gote, sottolineare gli occhi con un leggero strato di cenere, ma l’ innamorato non deve conoscere questi segreti di bellezza, che vanno eseguiti di nascosto.

OVIDIO ARS AMATORIA 1OVIDIO ARS AMATORIA 1

«Se sei bassa, stai seduta. Chi è troppo magra si copra con stoffe pesanti. Chi ha la carnagione chiara indossi abiti scuri; chi ha la carnagione scura prediliga tinte chiare», continua il poeta, che sottolinea il grande potere della risata nell’ arte della seduzione, purché fatta con grazia: «Bocca non troppo aperta, le labbra non scoprano mai la parte superiore dei denti. Una risata non duri all’ infinito e risuoni sempre con un che di delicato e femminile. Ci sono delle donne tanto sguaiate quando ridono, che gli si stravolgono i connotati in maniera disgustosa».

Anche piangere richiede un certo stile, secondo Ovidio. «Imparate poi ad avere un portamento da vera donna quando camminate, perché anche il modo di camminare contribuisce, e in maniera da non sottovalutare, a creare lo stile: è un modo di attrarre o respingere chi non si conosce. Anche in ciò ci sia misura, perché si rischia di muoversi troppo da cafoni».

Segue: ars amandi – ecco i consigli di ovidio alle signore su come conquistare gli uomini – Cronache

alberto

Inserito da Alberto Saso

Presidente Onorario - New Estro-Verso - KulturaWebTv

 
alberto

A proposito di alberto

Presidente Onorario - New Estro-Verso - KulturaWebTv

Lascia un commento