Accademia della Crusca

Domande ricorrenti e risposte ai quesiti     Consulenza linguistica Signora o signorina? Donne e lavoro ancora sul femminile dei nomi di professione Sulla correttezza dell’ espressione entro e non oltre   Inserito da Alberto SasoPresidente Onorario – New Estro-Verso – KulturaWebTv  

alberto

Inserito da Alberto Saso

Presidente Onorario - New Estro-Verso - KulturaWebTv

 

La lingua italiana non è sessista: ci sono il maschile e il femminile. Cominciate a usarli

Le petizioni (a scopi promozionali) lanciate per modificare regole grammaticali non hanno senso. Piuttosto utilizziamo parole come assessora o sindaca. Anche se ci sembrano brutte.   l’hashtag #italianoEspresso DI MARIANGELA GALATEA VAGLIO In italiano, le parole sono maschili o femminili. Non è sessismo, è che la nostra lingua è strutturata così. Il nostro “papà” latino aveva anche il genere neutro, che indicava solitamente gli oggetti e talvolta i concetti astratti. In effetti, se ci pensate, è illogico che gli oggetti in italiano siano considerati maschi o femmine. Non c’è alcun Leggi tutto l'articolo →

alberto

Inserito da Alberto Saso

Presidente Onorario - New Estro-Verso - KulturaWebTv

 

Cinque regole per risolvere i dubbi dell’italiano di genere

La Repubblica Sindaco o sindaca? Ogni venerdì in edicola con Repubblica “L’Italiano”, collana in collaborazione con l’Accademia della Crusca che ti farà innamorare della nostra lingua. In questo volume, parliamo delle regole per indicare ruoli maschili e femminili Sindaca o sindaco? Dottoressa o dottora? Ma la ministro, si può dire? E se la Clinton fosse stata eletta sarebbe diventata presidente o presidentessa? Che poi: perché la Clinton e non il Trump? Per distinguere Hillary da Bill, dite? Ma allora la Merkel? Da chi dobbiamo distinguerla, la Merkel? Ecco cinque ancore Leggi tutto l'articolo →

alberto

Inserito da Alberto Saso

Presidente Onorario - New Estro-Verso - KulturaWebTv